Linee Guida per l’Accertamento del “Caporalato” - PMI Servizi Associati

  • 8 Marzo 2019
  • Nessun commento

Si informa che, con circolare n. 5 del 28 febbraio scorso, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha fornito al personale ispettivo le “linee guida” in merito all’individuazione del reato di cui si tratta, comunemente definito “caporalato”.

Si ritiene opportuno evidenziare come l’Ispettorato Nazionale del Lavoro riconosca che, spesso, l’evoluzione del fenomeno si caratterizza per un’apparente legalità: i datori di lavoro, infatti, predispongono documenti amministrativi e contabili preordinati a fornire una falsa rappresentazione del rapporto di lavoro. In tali ipotesi lo sfruttamento può realizzarsi:

  • registrando le ore/le giornate effettivamente lavorate in misura inferiore a quelle effettivamente svolte;
  • pagando al lavoratore una retribuzione inferiore rispetto a quella risultante dal prospetto paga;
  • anche nell’ambito di un contratto di appalto: l’appaltatore, al fine di garantire forti risparmi all’appaltante e di acquisire così la commessa, sfrutta lo stato di bisogno dei propri lavoratori, abbattendo il costo del lavoro mediante la corresponsione di retribuzioni palesemente difformi da quelle previste dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative.

Per ogni ulteriore approfondimento in materia e per acquisire la circolare richiamata i nostri consulenti sono a vostra disposizione.