CONVERSIONE DEL CONTRATTO DI SOMMISTRAZIONE - PMI Servizi Associati

  • 19 Giugno 2019
  • Nessun commento

La Corte di Appello di Roma con sentenza n. 1924 del 24 maggio 2019,  ha stabilito che l’indennità, ex comma 5 dell’art. 32 della legge n. 183/2010, come modificato dal comma 13 dell’art. 1 della legge n. 92/2012, trova applicazione a qualsiasi ricostituzione del rapporto di lavoro cui era stato apposto un termine illegittimo.

Ne consegue che, a causa della nullità di un contratto di somministrazione a tempo determinato, il datore di lavoro può essere condannato a risarcire il lavoratore, nelle forme e nei limiti ivi previsti, per il danno subìto.