Agenti e Rappresenti di Commercio: Versamento del FIRR - PMI Servizi Associati

  • 8 Marzo 2019
  • Nessun commento

Entro il 31 marzo p.v. le ditte preponenti devono versare alla Fondazione ENASARCO, utilizzando esclusivamente il sistema on-line, l’importo spettante agli agenti e rappresentanti di commercio – individuali o operanti in forma di società – a titolo di indennità di risoluzione del rapporto (Firr), calcolato sulle provvigioni liquidate nel corso dell’anno 2018 (dall’1 gennaio al 31 dicembre).

Ai fini della determinazione del Firr sono computabili anche le somme corrisposte espressamente e specificatamente a titolo di rimborso o concorso spese, premi e incentivazioni percepite dall’agente nel corso del rapporto e le somme liquidate al momento della cessazione del rapporto; vanno escluse, invece, le somme anticipate dall’agente o rappresentante in nome e per conto del preponente, l’indennità sostitutiva di preavviso e quella suppletiva di clientela. Alla cessazione del rapporto – che deve essere comunicata alla Fondazione dalla preponente entro un mese dalla stessa – le somme accantonate a titolo di Firr verranno liquidate all’agente direttamente dall’ENASARCO. L’obbligo di accantonamento presso la Fondazione ENASARCO cessa alla data di scioglimento del contratto di agenzia: in tal caso, le somme non versate verranno corrisposte all’agente direttamente dalla ditta mandante, operando la ritenuta di acconto del 20%.