Abuso di Facebook, linea dura della Cassazione - PMI Servizi Associati

  • 8 Febbraio 2019
  • Nessun commento

 

Utilizzare Facebook mentre si lavora può portare al licenziamento. A renderlo noto è la Cassazione che ha confermato in via definitiva il licenziamento disciplinare di una donna che, durante l’orario di servizio, aveva effettuato dal pc in ufficio circa 6 mila accessi in Internet, di cui 4.500 su Facebook, “per durate talora significative”. Il suo ricorso alla “violazione della privacy” non ha avuto nessun esito.
Non è la prima volta di un licenziamento causa Facebook negli ultimi anni. Più numerose tuttavia le cause contro dipendenti che avevano fatto uso improprio del social insultando i capi o i colleghi.